St.cruz Bolivia

0
113

…UNA SPERANZA

La missione ha ora 7 anni di vita. Tutto è cominciato come Don Bosco… ora c’è una grande chiesa inaugarata l’anno scorso, un centro giovanile, la scuola elementare la scuola media, una scuola professionale per circa duecento allievi ed un internato che accoglie una cinquantina di ragazzi di strada che hanno bisogno di una casa, di istruzione, ma soprattutto di AMORE.

La situazione dei giovani che popolano la parrocchia è preoccupante! L’ignoranza e la trascuratezza è qualche cosa che salta alla vista subito a chi si affaccia in questa zona di Santa Cruz. La città che vede l’aumento e l’afflusso costante di immigrati, non arriva a garntire i servizi più urgenti come la salute, la scuola…

La parrocchia è stata da poco affidata ai Salesiani. Formava parte di un’estesissima zona pastorale che meritava di dividersi in quattro o cinque parrocchie.

La popolazione non è omogenea. la maggiorparte, e sono quelli che più meritano attenzione, è costituita da correnti migratorie che vengono dalle regioni alte della Bolivia. Nell’opera c’è gente di tutte le regioni.

Sradicati dal loro ambiente, costretti a far di tutto per trovare un tetto ed un lavoro che dia loro qualche cosa da mangiare, non arrivano a pensare agli studi, e meno ancora a problemi morali o religiosi.

La pratica religiosa non è molto sentita, i matrimoni non sono moti e così pure i battesimi. I salesiani sono nel cuore di una profonda missione.

Fin dai primi giorni della presenza nella zona si è voluto fare qualcosa per i giovani: l’attenzione è stata rivolta soprattutto ai ragazzi di strada per i quali è stato realizzato l’internato.

Con la creazione della parrocchia si è anche intrapresa una vera opera oratoriana affinché sia la casa aperta per tanti giovani, dove possano trovare amicizia e affetto, momenti di svago ed un avvicinamento a Dio con l’istruzione religiosa e la pratica dei sacramenti nello spirito di Don Bosco.

Comments are closed.

More News